171101_Italy meets Asia_0127

A Kyoto, nell’ambito del simposio “Italy meets Asia”, è in pieno svolgimento il primo incontro bilaterale Italia-Giappone di collaborazione scientifica e accademica.

Il rettore Fabio Rugge, delegato per l’internazionalizzazione della CRUI, ha siglato l’accordo di collaborazione tra le università italiane e quattro università del Kansai: Kyoto Institute of Technology, Kyoto Prefectural University of Medicine, Kyoto Prefectural University, Kyoto Pharmaceutical University (foto). Al simposio a Kyoto dell’1 e 2 novembre partecipano i rappresentanti di 23 università italiane e la rete per il trasferimento tecnologico Netval. Oggi il Rettore Rugge incontrerà a Tokyo l’ambasciatore italiano Giorgio Starace.

Il dialogo tra Ambasciata italiana in Giappone, CRUI e sistema accademico giapponese ha portato anche a definire il protocollo d’intesa per la nascita dell’Italian School of Advanced Studies in Kyoto (ISASK), destinata a operare nel settore delle scienze matematiche, fisiche, chimiche, naturali e dell’innovazione tecnologica. L’ISASK, posta sotto la vigilanza dell’Ambasciata d’Italia di Tokyo, rappresenta un passo decisivo per potenziare una più ampia collaborazione tra i sistemi accademici di Italia e Giappone.

Nella foto: da sinistra: il rettore dell’Università di Pavia e delegato CRUI per l’internazionalizzazione Fabio Rugge, il presidente del Kyoto Institute of Technolgy di Kyoto, Masao Furuyama, e i presidenti degli altri tre Istituti sottoscrittori dell’accordo. Alle spalle il sindaco di Kyoto, Kadokawa Daisaku, e il Console generale d’Italia a Osaka, Marco Lombardi.